Studiare è un diritto di tutti

Dall’Etiopia all’Università in Italia

Un esempio? Il progetto UNICORE, University Corridors for Refugees, cioè Corridoi universitari per studenti rifugiati: i giovani rifugiati spesso non hanno la possibilità di continuare gli studi nel Paese in cui hanno trovato protezione, quindi offriamo loro delle opportunità di ottenere visti per motivi di studio e borse di studio in Paesi terzi.

Il progetto e’ nato nel 2019 per permettere agli studenti rifugiati in Etiopia di arrivare in Italia con un percorso di ingresso regolare e sicuro e proseguire i loro studi. Nel 2020 11 Universita’ italiane hanno aderito al progetto selezionando 20 studenti rifugiati che inizieranno i loro studi in autunno.

Grazie anche ad un’ampia rete di partner gli studenti saranno sostenuti nell’ingresso nella vita accademica e nell’inserimento nel tessuto sociale locale.
I partner del progetto sono Università dell’Aquila, Università di Bologna, Università degli Studi di Cagliari, Università di Firenze, Università Statale di Milano, Università di Padova, Università degli Studi di Perugia, Università di Pisa, Università di Sassari, Università Iuav di Venezia, e Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, Caritas Italiana, Diaconia Valdese e Ghandi Charity.

Come funziona UNICORE