Statistiche per analizzare e capire

Nei numeri, la fotografia di tante questioni aperte

Attraverso le statistiche elaborate dall’UNHCR è possibile analizzare e comprendere meglio diverse questioni legate alla situazione dei rifugiati e alle nostre attività in tutto il mondo.
I dati permettono di:

  • verificare i progressi fatti nel trovare soluzioni durevoli per i rifugiati;
  • analizzare obiettivi e natura delle attività di protezione, i nuovi flussi, la durata della condizione di rifugiato, la localizzazione dei campi, le domande di asilo e la procedura di determinazione dello status di rifugiato;
  • studiare i Paesi di asilo e di origine, il genere, l’età e lo status legale dei rifugiati;
  • approfondire la conoscenza delle nostre operazioni e della protezione dei rifugiati attraverso informazioni di carattere qualitativo.

Come raccogliamo i dati

La sezione UNHCR per il Coordinamento e le informazioni rilevate sul campo (Field Information and Coordination Section) impiega a tempo pieno esperti statistici che monitorano costantemente il numero di persone costrette a fuggire.
Quando scoppiano crisi che provocano migrazioni forzate di grandi dimensioni, siamo in grado di prevedere quante persone hanno bisogno di assistenza, che tipo di aiuto serve e quanto personale è necessario impiegare.

Queste statistiche sono pubblicate ogni anno nei nostri report Global Trends e Global Appeal.

I numeri del nostro staff

Il nostro staff è la colonna portante dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.
Al 31 maggio 2019, l’UNHCR impiega 16.803 persone, di cui circa il 90% lavora sul campo.

Operiamo in 134 Paesi, con membri del personale di stanza in varie sedi, tanto in uffici regionali e succursali quanto in uffici secondari e sul campo.
Siamo tutti duramente impegnati a garantire assistenza ai rifugiati, grazie a professionalità che coprono varie discipline, come la tutela legale, l’amministrazione, i servizi sociali e l’assistenza sanitaria.

I dati finanziari dell’UNHCR

Siamo finanziati quasi interamente da contributi volontari, di cui l’86% proviene dai governi e dall’Unione Europea. Il 3% proviene da altre organizzazioni intergovernative e meccanismi di finanziamenti collettivi, mentre il 10% dal settore privato, che include fondazioni, aziende, singoli individui. Inoltre, riceviamo un sussidio limitato (1%) dal budget delle Nazioni Unite per i costi amministrativi. Accettiamo anche contributi in natura, come tende, medicinali e autocarri da utilizzare negli interventi sul campo.

L’UNHCR fu costituita nel 1950 con un budget annuale davvero limitato, 300.000 dollari americani. Ma con l’estendersi delle dimensioni dell’Agenzia e della sua capacità operativa, anche i costi sono aumentati. Il nostro budget annuale è cresciuto fino a oltrepassare il miliardo di dollari nei primi anni ’90 per poi toccare un nuovo record annuale di 5,3 miliardi di dollari nel 2013.

Il nostro budget annuale include il finanziamento di programmi che garantiscono la continuità delle nostre operazioni e di programmi supplementari che consentono di coprire le emergenze, quali la crisi siriana e le operazioni su larga scala di rimpatrio.

Per informazioni aggiornate sui fondi a nostra disposizione puoi visitare l’area dedicata nel sito
Global Focus o la sezione Sostieni i rifugiati.

Numeri accurati, uno strumento cruciale per agire

La disponibilità di statistiche e dati accurati, pertinenti e tempestivi è cruciale per le nostre operazioni a favore dei rifugiati. Queste informazioni sono risorse fondamentali per tutti i nostri partner, per rispondere alle esigenze delle popolazioni rifugiate.

Il Database statistico dell’UNHCR fornisce dati, report e altre informazioni essenziali per le operazioni sul campo. Contiene anche rapporti statistici relativi alle persone che assistiamo, con informazioni dettagliate su Paesi di asilo, Paesi di origine, sesso, età, area geografica e status legale dei rifugiati.
Stiamo anche aumentando la registrazione di indicatori sulla qualità della protezione garantita ai rifugiati e delle operazioni UNHCR.

Per approfondire, puoi utilizzare diverse risorse elaborate dall’UNHCR: