Seleziona una lingua per il nostro sito globale:

Seleziona un paese:
 
IO SONO APOLIDE

IO SONO APOLIDE

By Valeriia Cherednichenko in Brussels, Belgium   Tre anni fa, Railya Abulkhanova ha dichiarato all’UNHCR di sentirsi come una pianta senza radici. “Rotola…con il vento rotola via” Questo è. Questa è l’apolidia,” ha detto in...

UNA LETTERA DA ZAATARI

UNA LETTERA DA ZAATARI

Sono un rifugiato siriano infelice del campo di Zaatari. Lavoro come spazzino per mantenere i miei genitori e mia sorella. Prima di arrivare in Giordania, ho sofferto molto per gli eventi orribili e catastrofici che sono successi e ancora succedono nel mio Paese, la...

UN MESSAGGIO CHE SALVA LA VITA

UN MESSAGGIO CHE SALVA LA VITA

Da Carol Rowe nel campo profughi di Bahn, Liberia Una o due volte a settimana, un gruppo di circa 20 volontari sfila per il Campo profughi di Bahn nella Liberia orientale, cantando canzoni e portando striscioni. Potrebbero sembrare un gruppo che canta e balla, ma loro...

TORNARE A VIVERE

TORNARE A VIVERE

Peter è seduto all’ombra di un largo albero nel distretto di Adjumani nell’Uganda del nord, ancora terrorizzato dall’idea che la violenza che lui e la sua famiglia si sono lasciati alle spalle li possa raggiungere di nuovo. “A volte nella mia...

PER LORO È MAMA ADA

PER LORO È MAMA ADA

Di Baptiste De Cazenove La nebbia si dissolve su Gado-Badzere, il più esteso sito in Camerun per rifugiati provenienti dalla Repubblica Centrafricana. Sono le 6 del mattino quando piccoli volti cominciano ad emergere. Grandi occhi neri si spalancano, corpi minuscoli...

SPOSE BAMBINE

SPOSE BAMBINE

Di Farah Ayub In una mattina di nebbia ai confine di Lahore, un gruppo di donne rifugiate afghane parla e scherza. La possibilità di esprimersi ed essere ascoltate costituisce un momento di spensieratezza per tutte, tranne una giovane donna che siede in silenzio tra...